L’imposta di registro ai finanziamenti soci

soldi-monete
Stampa Articolo

La sentenza n. 15585/2010 della Corte di Cassazione afferma che secondo l’art. 22, comma 1 del D.P.R. n. 131/1986 alcuni finanziamenti soci, precedentemente non sottoposti all’imposta di registro, devono scontare tale tributo qualora vengano enunciati successivamente in un atto soggetto a registrazione.

L’enunciazione può quindi verificarsi nell’ambito di un verbale di assembla straordinaria. Invece diviene irrilevante ai fini tributari quando si verifica al di fuori di un atto notarile o comunque in un atto non soggetto a registrazione.


Il principio affermato dalla Cassazione interessa in particolar modo alcune operazioni che vengono poste in essere frequentemente nel corso della vita di una società. Si tratta dei finanziamenti soci, sia nel caso in cui costituiscano veri e propri debiti della società, ma anche laddove i finanziamenti vengano considerati in aumento delle riserve di patrimonio netto non sussistendo alcun obbligo di restituzione nei confronti di coloro che hanno effettuato i predetti apporti.

Finanziamenti soci

Solitamente con l’utilizzo dell’espressione finanziamenti soci si intende fare riferimento alle somme versate dai soci per esigenze di liquidità della società, ma con obbligo di restituzione nei confronti dei soci/finanziatori.

L’operazione può essere fruttifera o infruttifera. Deve essere previsto un puntuale termine di rimborso, cioè una scadenza predeterminata, ovvero il diritto alla restituzione da parte del socio in qualsiasi momento, salvo un determinato preavviso.

Per quanto riguarda la disciplina fiscale si tratta di un atto da registrare in termine fisso con l’applicazione dell’imposta di registro nella misura del 3%. Invece nessun tributo è dovuto qualora l’operazione venga formalizzata tramite scambio di corrispondenza commerciale. La registrazione è così necessaria solo in caso d’uso e quindi per tale fattispecie torna ad essere applicabile l’imposta sempre nella misura del 3%.

 

 

FINANZIAMENTO SOCI CON OBBLIGO DI RESTITUZIONE
Disciplina civislitica Disciplina fiscale

Sussiste un obbligo di restituzione:

 

  • Scadenza predeterminata;

  • diritto alla restituzione del socio in qualsiasi momento, salvo un certo preavviso;

  • si applicano le norme sulla raccolta del risparmio presso i soci
  • L’atto deve essere registrato in termine fisso con l’applicazione dell’imposta di registro nella misura del 3%;

  • In caso di corrispondenza commerciale non si applica alcun tributo;

  • L’imposta di registro torna ad essere dovuta qualora la registrazione si renda necessaria in caso d’uso

 

Versamenti in conto capitale

In alcuni casi i soci possono decidere di effettuare, anziché un finanziamento con obbligo di restituzione, un versamento a fondo perduto o in conto capitale senza però procedere ad un formale aumento di capitale.

 

A seguito del conferimento il socio non potrà “pretendere” la restituzione dello stesso. Le predette somme sono dunque acquisite in via definitiva senza vincoli di destinazione e devono essere comprese tra le riserve di patrimonio netto di cui alla voce A7 “Altre riserve” del bilancio d’esercizio.

 

Se le predette operazioni vengono formalizzate in sede di assemblea con una semplice lettera del socio non è dovuta alcuna somma a titolo di imposta di registro. E’ però possibile che la posta venga alimentata anche per il tramite di rinunce effettuate dai soci in relazione a precedenti operazioni di finanziamento.

 

VERSAMENTO SOCI IN CONTO CAPITALE
Disciplina civislitica Disciplina fiscale

 

  • Non sussiste alcun obbligo di restituzione

  • Le somme versate devono essere iscritte in bilancio nella voce A7, nel patrimonio netto, in corrispondenza della voce “Altre riserve”

 

  • Non è dovuta l’imposta di registro qualora l’operazione venga formalizzata in un verbale di assemblea ordinaria tramite una lettera del socio che effettua l’apporto

 

L’enunciazione

 

Il punto di partenza della Sentenza della Corte di Cassazione è rappresentato dall’art. 22, comma 1 del D.P.R. n. 131/1986. La disposizione stabilisce “che se in un atto sono enunciate disposizioni contenute in contratti verbali o atti scritti poste in essere tra le parti, intervenute nell’atto che ne contiene l’enunciazione, l’imposta si applica alle disposizioni enunciate. In pratica può verificarsi la seguente situazione:

 

ESEMPIO

  • Un socio ha effettuato un finanziamento con obbligo di restituzione di una somma ad una determinata scadenza;

  • l’operazione è stata effettuata tramite scambio di corrispondenza commerciale, quindi non è stato necessario assolvere al pagamento dell’imposta di registro nella misura del 3%;

  • viene convocata l’assemblea straordinaria per effettuare un aumento di capitale;

  • in sede di assemblea straordinaria viene richiamato (enunciato) il precedente finanziamento in quanto il socio rinuncia alla restituzione dello stesso a copertura delle relative perdite;

  • si applica l’art. 22, comma 1 del D.P.R. n. 131/1986: pertanto è dovuta l’imposta di registro nella misura del 3%;

  • invece se l’enunciazione fosse avvenuta in un atto non sottoposto alla registrazione (non in un’assemblea straordinaria) l’’imposta di registro non sarebbe stata dovuta.

Autore: Nicola Forte per Centro Studi CGN

 

Parole per cui è stato trovato l'articolo:

finanziamento soci imposta di registro (273),imposta di registro finanziamento soci (118),finanziamento soci srl imposta registro (48),finanziamenti soci imposta di registro (38),FINANZIAMENTO SOCI (22),enunciazione finanziamento soci (18),tassa registro finanziamento soci (12),imposta di registro contratto finanziamento a soci (3),OBBLIGO REGISTRAZIONE FINANZIAMENTO SOCI (2),versamento soci in conto capitale imposta di registro (2),Chia paga il registro sul finanxiamento soci (2),finanzimenti soci registrazione (1),tassazione finanziamento soci (1),tassazione cessione di finanziamento soci infruttifero (1),finanziamenti soci tassa di registro (1),rimborso finanziamento infruttifero tassazione (1),REGISTRAZIONE VERBALE VERSAMENTO IN COPNTO CAPITALE (1),finanziamento imposta di registro (1),obbligo registrazione contratto finanziamento infruttifero soci (1),imposta versamento soci (1),IMPOSTA REGISTRO RIMBORSO FINANZIAMENTO TRA SOCI (1),imposta di registro verbale assemblea (1),imposta di registro su finanziamneti (1),finanziamento soci con scambio postale non paga limposta di registro? (1),finanziamento soci imposta registro (1),finanziamento soci registro (1),imposta di registro accensione finanziamento (1),imposta di registro finanziamento infruttifero soci (1)