Donne al lavoro: 5 vantaggi competitivi

wonder-woman
Stampa Articolo

Sei donna e ritieni di aver sempre avuto una marcia in più nella professione? In questo articolo intendo darti ragione senza ritegno, con un pizzico di IRONIA! Oppure sei stufa o sei stufo (tu, marito o fidanzato, padre, fratello, amico) della solita lagna di quelle che si lamentano, lamentano e lamentano perché sono svantaggiate sul lavoro? Oggi ti fornisco 5 spunti per farle riflettere.

Ovviamente non intendo negare quello che le statistiche e la realtà ci dimostrano quotidianamente, ovvero che una larga fascia della popolazione femminile è ancora relegata a casa dall’inoccupazione e dalla disoccupazione, che chi lavora spesso ottiene ruoli subordinati rispetto a titoli, capacità ed esperienze oppure, a parità di condizioni, percepisce redditi inferiori rispetto ai colleghi maschi.

Tutto ciò però non deve farci dimenticare gli assi nella manica, personali, ma anche, perché no, femminili.

Ecco quindi 5 ottimi motivi per cui le donne sono e saranno sempre imbattibili, se lo vorranno, sul posto di lavoro.

MOTIVAZIONE: Uomini! Dopo quello che sono abituate a passare le donne, neanche il sergente di Full Metal Jacket può fornirvi un carattere più tenace, motivazioni più forti, una voglia più grande di farcela.

Le donne sono abituate a essere lavoratrici, colf, madri, mogli e badanti, anche tutto insieme. Sono capaci di alzarsi alle 06:00 per preparare la colazione alla famiglia e andare a letto alle 24:00 dopo aver stirato montagne di camicie e intanto sono andate a lavorare come chi “porta i pantaloni”.

Quindi:  se una donna decide di fare carriera, vi conviene spostarvi e cedere il passo sorridendo. È più facile che abbia un buon ricordo di voi quando sarà in alto, piuttosto che spianarvi col mattarello, modello lasagna emiliana, strada facendo.

ADATTABILITÀ: a meno che la donna in carriera non sia la fortunata figlia del boss, sa già che dovrà cominciare dalla gavetta (e comunque non è detto che essere la figlia del boss le garantisca l’immunità, anzi).  È abituata a sparecchiare a casa, a differenza del fratellino. L’educazione avvantaggia la donna dotandola di maggior umiltà e flessibilità rispetto al cocco di mamma. Questo la agevolerà tantissimo soprattutto nelle prime fasi di inserimento nel luogo di lavoro e nei contatti con i clienti, cui offrirà spontaneamente il caffè senza imbarazzo. Un altro punto a favore.

INTELLIGENZA EMOTIVA: le differenze di genere a livello psicologico sono da prendere con le pinze, si sa, ma come negare che a intelligenza emotiva le donne siano un po’ più veloci e dotate? L’intelligenza emotiva è, secondo alcuni psicologi, un aspetto legato alla capacità di riconoscere, valutare e gestire in modo consapevole le proprie e altrui emozioni. Spiega il successo di molte persone che raggiungono risultati notevoli grazie alla loro capacità di intessere relazioni e coltivare clientela, amicizie e conoscenze in modo da creare vantaggi reciproci. A questo si unisce una migliore capacità di gestire in modo cooperativo anziché competitivo i gruppi di lavoro. Pensateci su…

PREPARAZIONE ACCADEMICA: le donne si applicano di più nello studio  - guardate i rapporti di Almalaurea – e ormai la maggioranza degli studenti in alcune facoltà è formata da donne. Voglia di riscatto? Amore per la sapienza? Chiedetelo alle vostre figlie o guardatevi allo specchio. È collezionismo di pezzi di carta o soddisfazione personale? Sana competizione o voglia di trionfare? Comunque, che bello un 110 e lode!

COMUNICAZIONE: le donne sono notoriamente più inclini alla comunicazione e mediamente più brave ad esprimersi, non me ne vogliano i colleghi. E soprattutto non insinuino che non facciamo altro che chiacchierare! In ambienti che necessitano di un continuo scambio di idee (ovvero quasi tutti gli ambienti lavorativi professionali), le donne sono meglio delle procedure, dei siti intranet e delle newsletter perché facilitano il passaggio di informazioni e pareri e rinforzano continuamente i canali di comunicazione, stringendo nodi relazionali sempre più fitti.  Nella nostra era l’informazione è il pane quotidiano!

Bene, potrei andare avanti all’infinito… ma vi sfido a proseguire il gioco, commentando con simpatia e ottimismo! Sono sicura che, senza sciovinismo e con un sorriso, sapete trovare un sacco di vantaggi anche se, come scrisse Joseph Conrad “Essere donna è un compito terribilmente difficile, visto che consiste principalmente nell’avere a che fare con uomini”.

Parole per cui è stato trovato l'articolo:

donne al lavoro (11),vantaggi donne a lavoro (1)