Gli invii intelligenti dell’Agenzia delle Entrate

Nell’ottica di razionalizzare le comunicazioni tra Fisco e Contribuenti, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un provvedimento che renderà più facile la vita ai contribuenti ed ai loro consulenti.

Per tutti gli studi professionali, questa è una bella notizia, dato che commercialisti e consulenti del lavoro si trovano molto spesso, nel bel mezzo delle principali e più importanti scadenze fiscali, ad assistere i loro clienti che ricevono richieste di documenti o avvisi di irregolarità da parte dell’Agenzia delle Entrate.


Contribuenti e consulenti si trovano così costretti ad estenuanti attese e code agli sportelli degli uffici del Fisco per fornire le informazioni richieste.

Eppure questo efferato tormento sembra essere ormai giunto al termine.

A mettere fine a questo disagio è un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate pubblicato il 19 luglio scorso, con il quale il direttore ha creato un gruppo di lavoro con il compito specifico di pianificare le spedizioni di massa ai contribuenti.

Lettere e richieste di documentazione non saranno più inviate ai contribuenti in concomitanza con le principali scadenze fiscali, ma seguiranno un’agenda intelligente e ragionata predisposta dal team di lavoro preposto allo scopo.


Lo scopo del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate è quello del miglioramento del rapporto Fisco-Contribuente e si propone la riduzione al minimo dei disagi per gli uffici del fisco (letteralmente sommersi di pubblico in concomitanza degli invii massivi di richieste) ed il potenziamento della qualità dei servizi offerti dall’Agenzia stessa.

Secondo il provvedimento pubblicato, la calendarizzazione delle spedizioni dell’Agenzia delle Entrate, limita la coincidenza con le scadenze fiscali ordinari o eccezionali, con lo scopo di ottimizzare l’attività di gestione dei tributi ed i carichi di lavoro e l’efficienza degli uffici.

È evidente che il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate produce benefici anche ai commercialisti e ai consulenti del lavoro che si trovano, in periodi di scadenze fiscali, a dover assistere i loro clienti nell’assecondare le richieste del fisco.

Ma cosa prevede l’agenda del fisco? E quali sono gli atti o i documenti oggetto della calendarizzazione?

Il calendario degli invii intelligenti sarà definito di anno in anno e sarà revisionato ogni trimestre. Oggetto degli invii intelligenti sono:

  • le comunicazioni in serie
  • le richieste di documenti
  • gli avvisi di irregolarità
  • le richieste di dati e notizie legate all’applicazione del redditometro
  • gli avvisi di accertamento basati sugli studi di settore

In conclusione, si tratta di tutte quelle richieste che spingono il contribuente (e il più delle volte il suo commercialista che è chiamato in causa dal contribuente/cliente) a presentarsi agli sportelli degli uffici locali dell’Agenzia delle Entrate o ad avviare una ricerca di informazioni.

Contribuenti e commercialisti potranno riconquistare nuovamente fiducia nei rapporti col fisco, e quindi bisognerà attendere con pazienza che l’attuazione del nuovo provvedimento possa dare i suoi frutti.

Autore: Antonino Salvaggio – Centro Studi CGN

http://www.il-commercialista-dei-professionisti.com