Il ruolo del commercialista nella società attuale: consulente o braccio del fisco?

corda-commercialista
Stampa Articolo

Le funzioni del commercialista oggi sono quanto mai varie e differenziate, ma è soprattutto il suo ruolo a essere messo sempre più in discussione dalle evoluzioni normative e della prassi, nonché del costume e del modo di sentire della società.

Recentemente alcune sentenze della Cassazione hanno fatto discutere in particolare perché hanno sottolineato le responsabilità del professionista nella consulenza, specie aziendale, inchiodandolo alla correità con le imprese sue clienti e infrangendo definitivamente l’illusione della sua terzietà o estraneità rispetto alle scelte fattuali della clientela.

A ciò si aggiunga una breve riflessione rispetto alla crescente disaffezione rispetto alle istituzioni di categoria, specie da parte dei giovani. L’albo insomma è un valore o un vincolo?

FUNZIONI DEL COMMERCIALISTA

Il commercialista oggi è contabile, revisore, sindaco, consulente di marketing, di organizzazione, si occupa di fisco e di finanza, offre assistenza fiscale al contribuente nelle vesti di CAF, lavora in azienda o in proprio, in studio, in ufficio e su Internet. Offre servizi camerali, stime e perizie, compila modelli 730, Unico, 770, per l’lNPS, l’ENASARCO etc. etc. Interviene in successioni e divorzi, liti condominiali e tra vicini di casa. Parla con il direttore di banca e con quello della locale agenzia delle entrate…

Vi viene in mente qualcos’altro? Sicuramente sì! Potrei andare avanti per altre 2 pagine e non avrei finito ancora.

Il commercialista svolge dunque funzioni molto varie. Qualcuno si specializza, qualcuno fa un po’ di tutto a seconda del mercato e della sua indole. Tutto ciò richiede: competenza, informazioni, flessibilità, esperienza, strumenti, tempo.

Chi aiuta il commercialista? Come fa il commercialista a mantenere il passo?

RUOLO DEL COMMERCIALISTA

Le funzioni sopra ricordate vanno svolte correttamente (secondo competenza ed etica/deontologia) e comportano responsabilità, che crescono di giorno in giorno, come accennato in premessa (per esempio si vedano le sentenze n. 18527 e 24166 del 2011 della Corte di Cassazione). Sorgono però alcuni dubbi circa il ruolo del commercialista come elemento terzo o interposto nel rapporto tra il contribuente e il fisco.

La società italiana attualmente vive un momento di forte tensione a livello fiscale. Mettiamo insieme:

  • la viva necessità di riempire le casse dello Stato,
  • il fondato sospetto di sperequazione sociale
  • un prelievo eccessivo che insiste su pochi,
  • un vasto mondo economico sommerso e/o illegale.

Il risultato è un cocktail esplosivo di scontento e di lotta per pagare il meno possibile, a discapito del bene pubblico.

Il commercialista è nell’occhio del ciclone: connivente ora dell’evasore ora del fisco che si accanisce, a seconda di chi sta guardando la scena.  In ogni caso una posizione ben scomoda.

Sto semplificando e forse drammatizzando, ma sento che molti professionisti vivono questo disagio e non si sentono adeguatamente, compresi, supportati e tutelati.

Forse è anche questo uno dei motivi per cui sembra che i giovani (soprattutto i giovani, ma non solo loro) si stiano allontanando dalle istituzioni di categoria.

Le prime notizie sulla manovra finanziaria ora in corso di approvazione ventilavano a possibilità dell’abrogazione di alcuni ordini professionali tra cui quello dei DCEC e, visitando i forum di categoria, ho notato molti commenti di plauso.

A parte la funzione politica di tutela di chi ha già avuto accesso alla posizione di commercialista, l’ordine è ancora in grado di fornire un servizio utile ai suoi iscritti e, soprattutto alla collettività?

Siamo in grado di misurare i benefici apportati da questa istituzione a fronte dei costi?

E ancora: alcuni commercialisti lamentano la perdita di prestigio e, provocando, si chiedono se non sarebbe più onesto essere pagati direttamente dalla pubblica amministrazione, dal momento che si sentono ridotti al rango di impiegati d’ordine.

È questa la via o l’innovazione tecnologica può indicare anche nuove strade, magari costruendo un rapporto nuovo con clienti e contribuenti?

Parole per cui è stato trovato l'articolo:

ruolo del commercialista (57),cosa fa un commercialista (53),ruolo commercialista (39),compiti del commercialista (38),fare il commercialista oggi (32),cosa fa il commercialista (27),il ruolo del commercialista (26),compiti commercialista (23),compiti di un commercialista (18),funzione del commercialista (3),mansioni del commercialista (2),commercialista cosa fa (2),funzioni del commercialista (2),mansioni di un commercialista (1),red commercialista cosa è (1),di cosa non si occupa un commercialista (1),commercialista mansioni (1),commercialista mansione e responsabilita (1),commercialista loc:IT (1),c9mpiti del commercialista (1)