La Legge di stabilità aumenta le deduzioni IRAP

La legge di stabilità 2013 aumenta gli sconti IRAP a partire dal periodo d’imposta 2014. L’art.1, comma 484, della Legge n.228 del 24/12/2012 (Legge di stabilità 2013) prevede infatti un incremento dell’importo della deduzione forfettaria prevista a fronte dell’impiego di dipendenti a tempo indeterminato. Esaminiamo qui di seguito i soggetti beneficiari e gli importi deducibili.

Le deduzioni, introdotte dalla Finanziaria 2007 con l’obiettivo di diminuire l’incidenza degli oneri impropri sul costo del lavoro (il cosiddetto cuneo fiscale), prevedono, per ogni lavoratore dipendente a tempo indeterminato impiegato nel periodo d’imposta, la deducibilità:


  • dell’ammontare complessivo dei relativi contributi assistenziali e previdenziali;
  • di un importo forfettario variabile in base alla zona dell’impiego e alle caratteristiche soggettive del lavoratore.

La Legge di stabilità ha incrementato l’importo della deduzione forfettaria su base annua da 4.600 a 7.500 euro; invece, nel caso in cui i dipendenti a tempo indeterminato siano impiegati nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, la deduzione passa da 9.200 a 15.000 euro.

Per quanto riguarda i lavoratori di sesso femminile (indipendentemente dall’età), nonché per quelli di età inferiore a 35 anni (indipendentemente dal sesso), l’ammontare deducibile passerà da 10.600 a 13.500 euro nella generalità dei casi, e da 15.200 a 21.000 euro nelle regioni svantaggiate citate in precedenza.

La legge é intervenuta aumentando anche la deduzione forfettaria per i soggetti passivi d’imposta con base imponibile non eccedente 180.999,91 euro, prevedendo che saranno ammessi in deduzione, fino a concorrenza, i seguenti importi:

  • 8.000 euro (al posto degli attuali 7.350) se la base imponibile non supera 180.759,91 euro;
  • 6.000 euro (al posto degli attuali 5.500) se la base imponibile supera 180.759,91 ma non 180.839,91 euro;
  • 4.000 euro (al posto degli attuali 3.700) se la base imponibile supera 180.839,91 ma non 180.919,91 euro;
  • 2.000 euro (al posto degli attuali 1.850) se la base imponibile supera 180.919,91 ma non 180.999,91 euro.

Per le società di persone commerciali, gli imprenditori individuali, i professionisti (qualora siano tenuti a versare IRAP) e le associazioni professionali, gli importi delle deduzioni saranno i seguenti:


  • 10.500 euro (al posto degli attuali 9.500) se la base imponibile non supera 180.759,91;
  • 7.875 euro (al posto degli attuali 7.125) se la base imponibile supera 180.759,91 ma non 180.839,91 euro;
  • 5.250 euro (al posto degli attuali 4.750) se la base imponibile supera 180.839,91 ma non 180.919,91 euro;
  • 2.625 euro (al posto degli attuali 2.375) se la base imponibile supera 180.919,91 ma non 180.999,91 euro.

Data la decorrenza a partire dal periodo d’imposta 2014, gli effetti di tali aumenti si manifesteranno con il Modello Unico 2015. Pertanto nel Modello Unico 2014 si dovranno calcolare le deduzioni sulla base dei “vecchi” importi.

Giovanni Fanni – Centro Studi CGN

http://giovannifanni.blogspot.com/
http://www.studiofanni.net/