Caso pratico: compilazione del Modello 730 con cedolare secca

Come si compila il Modello 730 nel caso di un appartamento locato a libero mercato con applicazione della cedolare secca durante l’anno 2012? Vediamo di seguito le modalità di compilazione.

Esempio 1: rendita Euro 500,00 – Codice Utilizzo 2 e 3 – periodo di possesso dal 01/01/2012 al 29/03/2012 a disposizione – periodo di possesso fabbricato locato dal 30/03/2012 al 31/12/2012 – percentuale di possesso 100% – Codice canone 3 – Canone di locazione annuo Euro 6.600,00.


Il modello 730 si presenta così compilato:

Commentiamo le operazioni eseguite nel rigo B1:

  • inserita rendita di Euro 500;
  • inserito il codice utilizzo 2 (immobili a disposizione) per 89 giorni (dal 01/01 al 29/03);
  • inserita la quota di possesso del 100%;
  • infine inserito il Codice catastale del Comune dove insiste l’immobile.

Passando poi alla compilazione del rigo B2:


  • inserita la rendita di Euro 500;
  • inserito il codice utilizzo 3 (immobile concesso in locazione ai sensi della Legge 431/98) per 276 giorni (dal 30/03 al 31/12);
  • inserita la quota di possesso del 100%;
  • inserito il codice canone 3 (immobile locato con opzione della cedolare secca) ed il canone di locazione di competenza dell’anno reddituale;
  • inserita la “X” di continuità che indica trattasi dello stesso immobile, e la “X” di cedolare secca.

Calcoli del prospetto di liquidazione nel 730-3.

Come si evince dalle figure sotto riportate, al rigo 6 il reddito imponibile della cedolare secca è pari a 6.600,00 euro. Al rigo 81 l’importo dell’imposta dovuta è pari a 1.386 = 6.600 x 21%. Nei righi 99-100-101 risulta  l’imposta che sarà trattenuta dal sostituto d’imposta. Infine, il totale della trattenuta in busta paga del contribuente è riportato al rigo 151.