Detraibilità spese funebri nel modello 730

detraibilita
Stampa Articolo

Sono tanti gli oneri e le spese che possono essere portati in detrazione dal contribuente attraverso la compilazione del modello 730. In questo articolo sintetizziamo i criteri e le condizioni di detraibilità delle spese funebri. Sono detraibili le spese se la fattura è intestata a un familiare a carico? Sono detraibili le spese per il necrologio? Le spese possono essere detratte in maniera frazionata da più familiari?

Secondo una definizione della Commissione Tributaria di Milano nella dec. n.1573/1985 per spesa funebre si intende “l’erogazione di denaro a compenso di ogni operazione occorrente a portare la salma al cimitero e a sistemarla”. Quindi sono spese funebri tutte quelle sostenute a seguito del decesso di un familiare, quali ad esempio il versamento effettuato al Comune per i diritti cimiteriali, il pagamento dell’agenzia di pompe funebri, le spese per i fiori, per gli annunci funebri e per i necrologi.


Sono detraibili solo le spese funebri sostenute per i familiari indicati nell’articolo 433 del Codice civile, ovvero:

  • il coniuge
  • i figli legittimi e legittimati, naturali e riconosciuti, adottati, affidati od affiliati
  • i discendenti dei figli
  • i genitori e gli ascendenti più prossimi (i nonne e le nonne)
  • i fratelli e le sorelle
  • i suoceri e le suocere
  • le nuore
  • i generi.

Sono due le condizioni fondamentali per la detraibilità:

  • ci deve essere un rapporto di causa-effetto tra il decesso del familiare ed il sostenimento delle spese
  • le spese devono rispondere ad un criterio di attualità rispetto all’evento cui sono finalizzate (Commissione Tributaria Centrale, sezione VIII del 28 febbraio 1989, n. 1573).

Non sono quindi detraibili le spese sostenute in via anticipata in previsione di future onoranze funebri (ad esempio l’acquisto del loculo cimiteriale prima della morte) e anche  le spese sostenute per la risistemazione e il conseguente trasferimento in un altro loculo della salma di un familiare deceduto anni prima.

Per il decesso spetta una detrazione pari al 19% della spesa sostenuta. La detrazione è consentita solo se l’importo non supera euro 1.549,37 per ciascun familiare deceduto e se l’ammontare della spesa sostenuta è documentato da apposita fattura indicante gli importi corrisposti.


Il beneficio fiscale spetta al contribuente che ha effettivamente sostenuto la spesa. Se la spesa è sostenuta da più persone, anche se la fattura è intestata a una sola persona, la divisione della spesa è consentita solo se sul documento contabile è annotata la ripartizione della spesa (Circolare 25 maggio 1979, n. 26).

Per quanto riguarda la compilazione del modello 730/2013, le spese funebri vanno indicate tra gli oneri detraibili, nel rigo E14. Nel rigo vanno comprese anche le spese riportate nelle annotazioni del modello CUD.

Redazione Fisco7

Parole per cui è stato trovato l'articolo:

detrazione spese funebri (435),spese funebri detraibili (287),spese funebri (163),detrazioni spese funebri (138),detraibilità spese funebri (104),spese funebri detraibili 2013 (85),spese funebri sono detraibili (49),detrazioni spese funebri 2013 (48),deducibilità spese funebri (47),730 spese funebri (44),art 433 codice civile spese funebri (43),spese funebri 730 (39),spese funebri unico 2013 (38),detrazione spese funerarie (33),le spese funebri sono detraibili (31),detrazione spese funebri 2013 (30),rimborso spese funebri 730 (29),rimborso spese funebri (26),spese funebri detrazione (26),detrazione fiscale spese funebri 2013 (26),spese funerarie 730 (25),detrazione funerale 2013 (25),spese funerarie detraibili (23),detraibilità spese funebri 2013 (22),detrazioni per spese funebri 2013 (19),recupero spese funebri 730 (18),spese funebri detrazione fiscale (18),detrazioni fiscali spese funebri 2013 (16),spese funebri detrazione 2013 (15),detrazioni fiscali per spese funebri (14)