Come compensare il credito richiesto a rimborso

Il contribuente che ha presentato il modello Unico richiedendo a rimborso il credito scaturito dalla dichiarazione può, in alternativa, optare ora per la compensazione di tutto o di parte del suddetto credito, sempre che non sia già stato rimborsato. Vediamo come.

È infatti possibile presentare una particolare forma di dichiarazione integrativa, così come prevista dall’art.2 c.8-ter del DPR 322/98, entro 120 giorni dalla scadenza della dichiarazione ordinaria e cioè entro il 28 gennaio p.v.


L’integrazione è ammessa con la medesima scadenza anche in caso di presentazione di dichiarazione tardiva.

La modifica, istituita dal D.L. 70/2011, è possibile solo per la trasformazione della richiesta di rimborso del credito IRES e IRPEF a credito da utilizzare in compensazione e non per l’operazione inversa. Medesima procedura può essere adottata per la dichiarazione IRAP.

Nel caso di periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare, i 120 giorni vanno calcolati a partire alla scadenza di presentazione, ossia dalla fine del nono mese successivo a quello in cui si è chiuso il periodo d’imposta.

L’opzione va esercitata nel frontespizio della dichiarazione e, successivamente, nel quadro RX o IR  come di seguito riportato:


 

Frontespizio di Unico – Tipo di dichiarazione: Dichiarazione integrativa

Fontespizio UNICO

… e successivo quadro RX – Importo a credito risultante dalla presente dichiarazione, Credito di cui si chiede il rimborso, Credito da utilizzare in compensazione e/o in detrazione.

Quadro RX

Frontespizio dell’IRAP – Tipo di dichiarazione: Dichiarazione integrativa.


Frontespizio IRAP

… e successivo quadro IR – Credito di cui si chiede il rimborso, Credito da utilizzare in compensazione.

Quadro RI

 

Rita Martin – Centro Studi CGN