Locazioni: è arrivato il nuovo modello RLI

È stato approvato e pubblicato il nuovo modello relativo alla richiesta di registrazione di contratti di locazione e di affitto di beni immobili. Il modello deve essere utilizzato anche per tutti gli adempimenti successivi  e per l’opzione alla cedolare secca. Vediamo di cosa si tratta.

 


Il modello è composto in quattro parti:

  • Quadro A – Dati generali –  è suddiviso a sua volta in tre sezioni:
    • Sezione I riguardante i dati generali del contratto, utili per la registrazione
    • Sezione II riguardante i pagamenti successivi, cioè proroga, cessione, risoluzione
    • Sezione III riguardante i dati del richiedente la registrazione e la parte relativa al soggetto che presenta il modello in via telematica
  • Quadro B – Soggetti – per l’indicazione dei dati di locatori e conduttori
  • Quadro C – Dati degli immobili – per l’indicazione dei dati catasti degli immobili oggetto del contratto
  • Quadro D – Locazione ad uso abitativo e opzione/revoca cedolare secca

Il nuovo modello, esclusivamente telematico,  è utilizzato per la registrazione dei contratti di locazione a partire dal 3 febbraio prossimo; fino al 31 marzo possono essere utilizzati, in alternativa, anche i vecchi software (Contratti di locazione, Iris e Siria).

Il modello RLI sostituisce anche il modello 69 esclusivamente nei seguenti casi:

  • per la richiesta di registrazione del contratto;
  • per la proroga, la cessione o la risoluzione del contratto;
  • per la comunicazione dei dati catastali;
  • per l’esercizio o la revoca dell’opzione cedolare secca;
  • per le denunce di contratti di locazione non registrati, di contratti con canone superiore a quello registrato e per i comodati fittizi.

Può essere utilizzata una forma semplificata, senza allegare copia del testo del contratto, se:


  • il numero dei locatori non è superiore a tre;
  • il numero dei conduttori non è superiore a tre;
  • esiste una sola unità abitativa e un numero di pertinenze non superiore a tre;
  • gli immobili oggetto della locazione sono regolarmente accatastati;
  • il contratto è esclusivamente un contratto di locazione;
  • il contratto è stipulato tra persone fisiche che non agiscono nell’esercizio di impresa, arte o professione.

Al Provvedimento di approvazione e pubblicazione del modello sono allegate le relative istruzioni e le specifiche tecniche di trasmissione telematica.

Nel Provvedimento è specificata anche la modalità di revoca dell’opzione alla cedolare secca, già rimandata nel 2011 a successivi chiarimenti:  la revoca deve essere esercitata in ciascuna annualità successiva a quella in cui è stata esercitata, mediante la presentazione del presente modello entro il termine di 30 giorni.

Rita Martin – Centro Studi CGN