Super ammortamento: cosa è e come funziona

Con l’obiettivo di fare ottenere, a determinate categorie di aziende, agevolazioni fiscali sugli investimenti produttivi, in particolare quelli per impianti e macchinari necessari allo svolgimento dell’attività, la legge di stabilità 2016 introduce il super ammortamento. Cosa è? E come funziona?

Il super ammortamento è una misura agevolativa che consente, alle aziende che investono in beni strumentali, di ammortizzare il relativo bene nella misura del 140% piuttosto che al 100%.


Chi può beneficiare del super ammortamento?

Ad oggi, viene previsto che i soggetti beneficiari della misura agevolativa siano tutte le imprese (soggetti che producono redditi d’impresa) che effettuano investimenti produttivi. Sembra però che le maggiori deduzioni fiscali che derivano dal super ammortamento interesseranno anche i professionisti che producono redditi di lavoro autonomo.

Come funziona il super ammortamento?

I soggetti titolari di reddito di impresa e gli esercenti arti e professioni che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016 possono ammortizzare i relativi beni nella misura del 140%. Il costo di acquisizione dei beni strumentali viene quindi maggiorato del 40%.


Per potere beneficiare del super ammortamento i soggetti interessati dovranno rispettare alcuni requisiti. L’investimento viene valutato come realizzato alla data in cui il costo viene sostenuto fiscalmente e dunque al momento della consegna o spedizione del bene oppure del termine della costruzione per gli impianti eseguiti in appalto e per i macchinari.

Non rileva invece il momento del pagamento, che può essere effettuato integralmente o parzialmente anche in un momento successivo al periodo agevolato oppure può essere effettuato anticipatamente.

Il super ammortamento troverà applicazione anche per i beni acquisiti in leasing. Il contratto di locazione finanziaria viene considerato fiscalmente un acquisto di bene strumentale per cui viene ricompreso nella misura agevolativa. In questo caso, la data dell’investimento corrisponde al momento di conferimento all’utilizzatore del bene concesso in leasing.

Affinché l’investimento possa essere concretamente sfruttato, il meccanismo di ammortamento deve essere attivato anche attraverso l’entrata in funzione del bene nel processo produttivo entro il termine dell’esercizio. Nel caso in cui ciò non accada, la super deduzione varrà soltanto a partire dall’anno successivo, eccezion fatta per i professionisti che possono ammortizzare il bene al momento dell’acquisto.

Quali sono i beni agevolabili?

Rientrano nell’agevolazione tutti i beni strumentali ad eccezione di quelli indicati nel comma 3 dell’articolo 8 della Legge di Stabilità. In particolare, si tratta dei beni strumentali per i quali il D.M del 31 dicembre 1988 prevede coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%. Vengono esclusi anche gli acquisti di fabbricati e di costruzioni e i beni indicati espressamente nell’allegato della norma in questione.


C’è molta attesa tra gli operatori del settore per capire come verrà applicata la normativa del super ammortamento dal punto di vista tecnico anche perché, se la norma venisse confermata con le attuali modalità, le risorse per la copertura da parte dello Stato sarebbero non indifferenti (si parla di 1 miliardo di euro).

Antonino Salvaggio – Centro Studi CGN

http://www.il-commercialista-dei-professionisti.com