Primo acconto per TASI e IMU sulla base delle aliquote 2015

Il prossimo 16 giugno é la data fissata per il pagamento dell’acconto IMU e TASI. Ecco alcune indicazioni operative per il versamento, alla luce delle novità 2016.

Si ricorda che la Legge di Stabilità 2016 (Legge 208/2015) ha introdotto alcune novità, come l’esenzione TASI per l’abitazione principale, l’esenzione IMU per i terreni agricoli e l’agevolazione sugli immobili in comodato d’uso ai parenti e in affitto a canone concordato.


Le imposte dovranno essere pagate per tutte le tipologie di immobili non esclusi o esenti, come le abitazioni principali di categoria A/1, A/8 e A/9, le abitazioni tenute a disposizione, quelle concesse in locazione, le pertinenze diverse da quelle dell’abitazione principale e i fabbricati non abitativi come gli uffici o gli studi privati.

I contribuenti dovranno effettuare i versamenti in due rate: la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. Tuttavia, é possibile eseguire i versamenti IMU e TASI in un’unica soluzione annuale, da corrispondere entro la scadenza del 16 giugno.

Per quanto concerne l’IMU, l’art. 13, co.13-bis del DL 201/2011 stabilisce che l’acconto venga eseguito sulla base delle aliquote e delle detrazioni previste per l’anno 2015 e che eventuali variazioni deliberate dai Comuni abbiano rilevanza solo in sede di versamento del saldo, con eventuale conguaglio sulla prima rata.

Medesimo discorso per la TASI: la Legge di Stabilità 2014 (Legge n. 147/2013), infatti, prevede che il versamento della prima rata venga effettuato anch’esso sulla base dell’aliquota e delle detrazioni dell’anno precedente.


Tuttavia, nel caso in cui, per l’anno 2016, il Comune abbia già deliberato aliquote e detrazioni ai fini IMU/TASI, il contribuente potrà derogare alla norma generale e tenerne conto già in sede di determinazione degli acconti.

Si ricorda che la Legge di Stabilità 2016 ha variato il termine entro cui devono essere inviate dai Comuni le deliberazioni di approvazione delle aliquote e delle detrazioni (nonché i regolamenti IMU e TASI) al fine della loro pubblicazione sul sito http://www.mef.gov.it/ : il precedente termine del 21 ottobre é stato spostato al 14 ottobre 2016.

Giovanni Fanni – Centro Studi CGN

http://giovannifanni.blogspot.com/
http://www.studiofanni.net/