Detrazione per redditi di lavoro dipendente: a chi spetta e come si calcola?

I soggetti che percepiscono redditi di lavoro dipendente e assimilati hanno diritto  ad una detrazione dall’imposta dovuta di importo variabile in funzione del reddito complessivo.

La detrazione è legata in maniera inversamente proporzionale al reddito percepito nell’anno solare e va rapportata al periodo di lavoro prestato nell’anno. In particolare, i giorni per i quali spetta la detrazione coincidono con quelli che hanno dato diritto alla retribuzione che è stata assoggettata a ritenuta, comprese le festività, i riposi settimanali e gli altri giorni non lavorativi, esclusi i giorni per i quali non spetta alcuna retribuzione.


Di seguito si riporta una tabella esplicativa delle detrazioni base (o teoriche) spettanti ai lavoratori dipendenti:

Nonostante sia previsto che le detrazioni debbano essere rapportate al periodo di lavoro nell’anno, l’importo non può mai essere inferiore a 690 euro o, per i lavori a tempo determinato, a 1.380 euro. In entrambi i casi suddetti, il limite non va infatti rapportato al periodo di lavoro.

Se il reddito complessivo è superiore a 23.000 euro ma non supera i 28.000 euro, la detrazione per lavoro dipendente è  aumentata dei seguenti importi:

Si riporta il caso di un soggetto percettore di un reddito di lavoro dipendente per l’intero anno ed avente un reddito complessivo di 27.000 euro.

La detrazione spettante sarà: 1.338 x [(55.000 – 27.000) / 40.000] = 1.338 x 0,70 = 936,60. Tale cifra dovrà essere poi aumentata ulteriormente di 40 euro, per un totale della detrazione di 976,60 euro.

Giovanni Fanni – Centro Studi CGN
http://giovannifanni.blogspot.com/
http://www.studiofanni.net/