Commercio elettronico indiretto: istruzioni per l’uso

stabilita
Stampa Articolo

Nell’ambito dell’ e-commerce, si ha commercio elettronico indiretto quando la fase preliminare di ordine ed anche il pagamento vengono effettuati on-line, ma il bene viene poi spedito fisicamente al domicilio o alla sede dell’acquirente. Si tratta della vendita di beni tradizionali (come vino, libri, computers, ecc.) che ha delle analogie con la vendita per corrispondenza e che si avvantaggia della forma elettronica per espandere i propri canali e le proprie vendite. Ecco una breve guida sulla disciplina e gli adempimenti IVA.

 


Per quanto riguarda la disciplina e gli adempimenti IVA, si deve distinguere tra:

  1. cessioni effettuate in Italia
  2. cessioni intracomunitarie
  3. acquisti intracomunitari
  4. esportazioni/importazioni.

Le cessioni in Italia sono trattate secondo le regole ordinarie. Le operazioni sono quindi imponibili ai fini IVA e non devono essere certificate dall’emissione o di ricevuta fiscale/scontrino;  solo su richiesta dell’acquirente, la fattura deve essere emessa al momento di effettuazione dell’operazione. Vi è inoltre l’obbligo di annotazione giornaliera nel registro dei corrispettivi.

In ambito comunitario, la forma indiretta del commercio elettronico è la più semplice, in quanto, poiché il bene è materialmente consegnato all’acquirente, è  facilmente individuabile il luogo in cui è resa l’operazione.

Qualora i beni siano spediti o trasportati dal cedente o per suo conto in altro Stato UE, ovvero il cessionario sia un soggetto privato ovvero tali vendite non siano superiori a Euro 100.000,00 annui o comunque entro il minor ammontare previsto secondo le soglie fissate dai singoli Stati membri, le cessioni sono assoggettate ad IVA in Italia, in base all’art. 41 c. 1 lett. b) del D.L. 331/1993.

Per quanto riguarda invece gli acquisti intracomunitari, valgono le medesime regole previste per gli “ordinari” acquisti intracomunitari o per le importazioni; in quest’ultimo caso, oltre all’IVA sono dovuti i dazi doganali e le spese di trasporto/spedizione allo Stato UE.

Rimangono esclusi dall’applicazione di qualsiasi imposta le vendite/acquisti di valore inferiore a Euro 22,00.

Le esportazioni sono operazioni non imponibili in base all’art.8 del DPR 633/72, sempre che sia provata la fuoriuscita del bene dal territorio europeo. Ciò può risultare dall’apposito documento doganale, ovvero dall’apposita vidimazione apposta nella fattura o nel documento di trasporto dall’Ufficio Doganale.

Per quanto riguarda invece le importazioni relative ad acquisti effettuati con e-commerce indiretto, valgono le medesime regole stabilite per gli acquisti intracomunitari.

La vendita di fiori via internet costituisce l’unico caso particolare. Al riguardo è intervenuta l’Agenzia delle Entrate che, con la Risoluzione n. 133/2004, ne ha precisato il trattamento ai fini IVA.

Se la cessione e la consegna, intesa come prestazione accessoria, vengono effettuate in Italia, le operazioni si considerano effettuate nel territorio dello Stato e viene applicata l’aliquota del 10%.

Se la cessione e la consegna vengono effettuate all’estero, sia UE o extraUE, l’importo corrispondente è assoggettato a IVA nello Stato di consegna.

Altro trattamento, invece, subisce la prestazione di intermediazione svolta dal soggetto gestore del sito internet. Tale prestazione, infatti, segue le seguenti regole:

  • è assoggettata a IVA se il committente è soggetto IVA nazionale, ancorché residente fuori dal territorio dello Stato italiano
  • è assoggettata a IVA 10% se la consegna è effettuata in Italia
  • non è assoggettata a IVA se il committente è soggetto passivo IVA identificato in altro Stato UE, anche se la consegna avviene in Italia
  • è escluso dall’applicazione dell’IVA se la consegna avviene fuori dallo Stato italiano, UE o extraUE.

Rita Martin – Centro Studi CGN

Parole per cui è stato trovato l'articolo:

commercio elettronico indiretto (70),art 41 commercio (2),e-commerce indiretto (2),commercio elettronico indiretto adempimenti iva (2),commercio elettronico fattura o ricevuta fiscale (2),fatturazione e-commerce (1),FATTURAZIONE COMMERCIO ELETTRONICO (1),fisco commercio elettronico (1),IVA ECOMMERCE INDIRETTO ADEMPIMENTI (1),e commerce indiretto triangolazione iva (1),e commerce indiretto obblighi fiscali con triangolazione (1),e commerce indiretto acquisti extra ue (1),e commerce indiretto (1),commercio on line fisco (1),commercio on line fiscalita (1),come si fattura il commercio elettronico (1),commercio elelttronico indiretto (1),commercio elettronico fattura iva (1),commercio elettronico indiretto adempimenti (1),commercio elettronico indiretto emissione fattura (1),commercio elettronico indiretto iva (1),commercio elettronico on line fattura (1),commercio indirett (1),commercio indiretto (1),vendita ELETTRONICA INDIRETTAscontrino (1)