Come detrarre le spese mediche per le prestazioni specialistiche

Quali sono le spese mediche per prestazioni specialistiche che è possibile detrarre nella dichiarazione dei redditi? E cosa occorre per scaricare tali spese nel modello 730/2018 o nel modello Redditi PF 2018?

Le spese mediche per le prestazioni specialistiche sostenute dal contribuente nel 2017 danno diritto ad usufruire di una detrazione d’imposta del 19%. La detrazione spettante per tali spese è calcolata, come per qualsiasi altra spesa medica, sulla parte che eccede l’importo di euro 129,11 a titolo di franchigia.


Quali sono le spese mediche per prestazioni specialistiche che danno diritto alla detrazione in dichiarazione dei redditi modello 730/2018 o Redditi PF 2018?

Le spese mediche specialistiche che possono fruire della detrazione 19% sono in sintesi le seguenti: esami di laboratorio e normali controlli di routine, ecografie, risonanze magnetiche, elettrocardiografie, elettrocardiogrammi ed elettroencefalogrammi, tac, dialisi, sedute di iodioterapia e cobaltoterapia, anestesia epidurale, sedute di neuropsichiatria, ginnastica correttiva e riabilitazione degli arti e del corpo, villocentesi, inseminazione artificiale, amniocentesi e altri esami di diagnosi prenatale.

Per fruire della detrazione in dichiarazione dei redditi, le prestazioni elencate sopra devono essere eseguite in centri autorizzati dal Servizio Sanitario Nazionale e sotto la responsabilità tecnica di uno specialista.

In generale, le spese per prestazioni mediche specialistiche sono quelle rese da un medico specializzato in un determinato settore della medicina. Sono spese per prestazioni specialistiche quelle rese ad esempio da uno psicologo, un urologo, un cardiologo, un dentista, un neurologo o un nutrizionista.

Determinate prestazioni mediche e spese specialistiche danno diritto alla detrazione fiscale solo se eseguite dietro prescrizione medica. Rientrano in tale fattispecie le prestazioni chiropratiche purché eseguite in un centro autorizzato e sotto la responsabilità di uno specialista, i trattamenti di massoterapia e ozonoterapia realizzati da personale medico o abilitato dalle autorità sanitarie e le cure termali.


Per le prestazioni specialistiche del massofisioterapista, la detrazione fiscale è consentita solo se il professionista ha ottenuto il diploma di formazione triennale entro la data del 17 marzo 1999 e se, nella ricevuta o fattura fiscale rilasciata, viene indicata tale circostanza. Contrariamente, la spesa non è detraibile anche se l’intervento è stato fatto dietro prescrizione medica.

Le prestazioni specialistiche odontoiatriche possono godere della detrazione d’imposta, dal momento che sono rese da un odontoiatra nell’ambito della sua specializzazione, ma se le cure odontoiatriche hanno esclusivamente fine estetico (come lo è ad esempio lo sbiancamento dentale) sono escluse dalla detrazione fiscale.

La detrazione fiscale spetta anche per i trattamenti di mesoterapia e ozonoterapia, per le prestazioni chiropratiche e le cure termali, purché si dimostri il collegamento tra la prestazione e la patologia. I trattamenti di mesoterapia e ozonoterapia devono essere effettuati da personale medico o da personale abilitato dalle autorità competenti in materia sanitaria, mentre per le prestazioni chiropratiche è richiesto che queste debbano essere eseguite in centri autorizzati e sotto la responsabilità tecnica di uno specialista.

Quali documenti occorre conservare per detrarre le spese mediche e le spese mediche specialistiche?

Per fruire della detrazione per le prestazioni specialistiche, il contribuente deve presentare al CAF o al professionista incaricato di compilare la dichiarazione dei redditi, la fattura, la ricevuta fiscale o la ricevuta del ticket sanitario se la prestazione medica è stata eseguita dal Servizio Sanitario Nazionale.

Al fine di ottenere la detrazione fiscale, è necessario che nella fattura sia indicato in modo chiaro che la prestazione eseguita è di carattere sanitario, altrimenti la spesa non potrà essere detratta dalla dichiarazione dei redditi.

È richiesta la prescrizione medica per la detrazione delle spese relative alle cure termali, alle prestazioni chiropratiche e ai trattamenti di mesoterapia o ozonoterapia effettuati da personale medico o da personale abilitato dalle autorità competenti in materia sanitaria. Con riguardo alle cure termali, si precisa che non sono detraibili le spese relative al soggiorno presso le strutture che effettuano le cure termali.


Dove vanno indicate le spese mediche specialistiche nella dichiarazione dei redditi?

Le spese mediche per prestazioni specialistiche sostenute nel 2017 da detrarre in dichiarazione dei redditi devono essere indicate nel rigo E1 del modello 730/2018 oppure nel rigo RP1 colonna 2 del modello Redditi PF 2018.

Antonino Salvaggio – Centro Studi CGN

http://www.il-commercialista-dei-professionisti.com