Quali sono i documenti da presentare per il modello 730?

Prima di andare dal commercialista o al CAF per la compilazione del modello 730/2014, il contribuente deve recuperare tutti i documenti utili per la compilazione. Ma quali sono i documenti da presentare?

Sia che si richieda l’assistenza per la compilazione sia che si presenti il modello 730 precompilato, il contribuente deve esibire la seguente documentazione:


  • copia del codice fiscale proprio, del coniuge e/o dei familiari a carico e relativi documenti di identità
  • copia della dichiarazione Unico o del modello 730 dell’anno precedente
  • ultima busta paga del 2014 in possesso al momento della compilazione del modello 730/2014
  • eventuali deleghe di pagamento degli acconti Irpef (modelli di pagamento F24)
  • deleghe di versamento dell’acconto e del saldo IMU (modelli di pagamento F24)
  • copia della dichiarazione o della comunicazione IMU
  • modelli CUD lavoratori dipendenti, pensionati e collaboratori
  • certificazioni di indennità o delle somme erogate da Enti (INPS, INAIL, Casse edili, ecc…) non segnalate al proprio sostituto d’imposta per il conguaglio
  • atto di vendita o di acquisto di terreni e/o fabbricati effettuati nel 2013 e nei primi mesi del 2014
  • documentazione relativa ad altri redditi posseduti (affitti, dividendi su utili, collaborazioni, prestazioni occasionali, etc…)
  • spese sanitarie con prescrizione medica, scontrini farmacia, ricevute per visite specialistiche, acquisto di medicinali e protesi, ricevute per esami di laboratorio, cure mediche dentistiche e omeopatiche, prestazioni di medico generico, ricevute e fatture relativi a ricoveri, degenze e interventi chirurgici, ticket per analisi e radiografie, fatture per acquisto di occhiali e lenti da vista, ricevute per apparecchi per l’udito, ricevute di spese per patologie esenti, attrezzature sanitarie, ricevute e fatture per spese sostenute per portatori di handicap, veicoli per portatori di handicap, assistenza sanitaria, spese di acquisto di cani guida, ricevute e fatture per spese mediche rateizzate in anni precedenti
  • interessi passivi di mutui ipotecari per abitazione principale, interessi passivi mutui per altri immobili, interessi passivi su mutui per recupero edilizio
  • spese per interventi di recupero edilizio sostenuti in proprio e interventi finalizzati al risparmio energetico 55% (bonifici, fatture, comunicazione ASL, etc…)
  • spese per interventi su involucro edifici, sostituzione impianti di climatizzazione, pannelli solari, spese per sostituzione frigoriferi, congelatori e motori ad elevate efficienza e variatori di velocità
  • spese per arredo immobili ristrutturati
  • assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni (allegare quietanze e contratto oppure dichiarazione rilasciata dall’assicurazione sulla detraibilità del premio pagato)
  • assicurazioni aventi ad oggetto il rischio di morte, di invalidità permanente (anche in questo caso allegare quietanze e contratto oppure dichiarazione rilasciata dall’assicurazione della detraibilità del premio pagato)
  • contributi volontari, contributi obbligatori e contributi relativi a personale domestico (colf)
  • contributi INAIL casalinghe
  • fondi pensione integrativi
  • fatture di pagamento per spese funebri
  • assegni periodici corrisposti al coniuge esclusa la quota di mantenimento per i figli
  • sentenza separazione/divorzio per assegni di mantenimento
  • ricevute di versamento di tasse scolastiche scuola secondaria ed universitaria
  • spese sostenute per locazioni per studenti fuori sede
  • spese sostenute per locazioni di cui alla Legge 431/98
  • ricevute e spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale nei casi di non autosufficienza
  • ricevute di versamento per erogazioni liberali ad associazioni sportive dilettantistiche
  • ricevute di versamento per erogazioni a vari enti, istituzioni o associazioni
  • ricevute di versamento per erogazioni a partiti politici
  • ricevute di versamento per erogazioni a enti religiosi
  • ricevute per spese veterinarie
  • spese sostenute per ragazzi tra 5 e 18 anni per iscrizione annuale o abbonamento ad associazioni sportive, palestre, piscine, etc…
  • spese sostenute per la frequenza di asili nido
  • spese sostenute per contributi per il riscatto del corso di laurea
  • documenti relativi immobili e attività finanziarie detenute all’estero
  • scelta dell’8 per mille (Stato, Chiesa Cattolica, Unione Chiese Cristiane Avventiste, Assemblee di Dio, Chiesa Evangelica Valdese, Chiesa Evangelica Luterana, Unione Comunità Ebraiche, Sacra Arcidiocesi Ortodossa, Chiesa Apostolica, Unione Cristiana Evangelica Battista, Unione Buddista Italiana, Unione Induista Italiana)
  • scelta del 5 per mille (volontariato e onlus, finanziamento della ricerca scientifica e università, finanziamento della ricerca sanitaria, finanziamento delle attività di tutela e promozione di beni culturali e paesaggistici, sostegno delle attività sociali svolte dal comune di residenza, sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute ai fini sportivi dal coni).

Antonino Salvaggio – Centro Studi CGN

http://www.il-commercialista-dei-professionisti.com