Verifiche antiriciclaggio: attenzione all’identificazione del titolare effettivo!

identificazione
Stampa Articolo

Dai  verbali di constatazione sorti a seguito dei controlli effettuati dalla G.d.f. nei confronti dei professionisti sugli adempimenti della normativa antiriciclaggio, emerge frequentemente la mancata identificazione del titolare effettivo.
In questo breve articolo analizziamo sinteticamente due casi esemplari per capire come procedere correttamente.

Vi riporto un estratto di verbale a titolo esemplificativo. Come vedete testimonia al punto b) il problema che stiamo affrontando: “non risulta che sia stato identificato il TITOLARE EFFETTIVO.


Secondo quanto previsto dalla lett. u) co. 2 dell’art. 1 del decreto per titolare effettivo si intende:

  • la persona fisica per conto della quale è realizzata un’operazione o un’attività;
  • nel caso di entità giuridica, la persona o le persone fisiche che, in ultima istanza:
    • possiedono o controllano tale entità;
    • ne risultano beneficiari secondo i criteri di cui all’Allegato tecnico al decreto.

Durante l’identificazione di un cliente società o ente giuridico il professionista ha l’obbligo quindi di analizzare la struttura di proprietà e di controllo del cliente sino ad individuare la persona fisica o le persone fisiche che in ultima istanza controllano o possiedono il cliente tenendo in considerazione l’intera catena di controllo anche se l’operato del professionista per individuare il titolare effettivo di una prestazione e/o operazione non può essere assimilabile all’attività investigativa tipica degli organi di polizia giudiziaria.

Per quanto attiene alla catena di controllo l’art. 2 dell’allegato tecnico del D.Lgs 231/2007, stabilisce che nel caso in cui il cliente sia una società  per titolare effettivo s’intende:

  • “la persona fisica o le persone fisiche che – attraverso il possesso o il controllo diretto o indiretto di una percentuale delle partecipazioni al capitale sociale o dei diritti di voto in seno a tale entità giuridica, anche tramite azioni al portatore, raggiungano il 25 per cento più uno di partecipazione al capitale sociale. Tale criterio non si applica nel caso di una società ammessa alla quotazione su un mercato regolamentato e sottoposta a obblighi di comunicazione conformi alla normativa comunitaria o a standard internazionali equivalenti.”

Ma come bisogna procedere quindi?

Detto che i dati da raccogliere per la verifica dell’identità del titolare effettivo sono i medesimi del cliente persona fisica, vediamo alcune ipotesi.

Caso n.1

In data 1 gennaio 2011 la Società “Alfa S.r.l.” attraverso il proprio Presidente del Consiglio di amministrazione Sig. Giovanni Bianchi conferisce al Dott. Davide Giampietri commercialista di Padova l’incarico professionale per la tenuta della contabilità.  La compagine sociale della Società è così composta:

  • Socio B persona fisica titolare del 5%
  • Socio C persona fisica titolare del 25%
  • Socio D persona fisica titolare del 70%

Soluzione n.1

Il professionista una volta identificato il cliente-società (così come esposto nelle pagine precedenti) dovrà contestualmente procedere all’identificazione del titolare effettivo.

Nel caso di specie, tenuto conto delle indicazioni dell’allegato tecnico al decreto, il titolare effettivo sarà il Socio D in quanto detiene una percentuale di partecipazione al capitale sociale superiore al 25%.

 

Caso n. 2

In data 1 gennaio 2011 la Società “Beta S.r.l”. attraverso il proprio Presidente del Consiglio di amministrazione Sig. Giovanni Bianchi conferisce al Dott. Davide Giampietri commercialista di Padova l’incarico professionale per la tenuta della contabilità.  La compagine sociale della Società è così composta:

  • Socio B persona fisica titolare del 5%
  • Socio C persona giuridica titolare del 25%
  • Socio D persona giuridica titolare del 70%

Soluzione n.2

Nel caso di specie, è nuovamente il Socio D a possedere la quota del 25% più uno, (che ricordo ancora essere il criterio fornito dalla relazione di accompagnamento al decreto per identificare il titolare effettivo di una società) ma essendo il Socio D una persona giuridica e non fisica, si dovrà procedere ulteriormente all’analisi della compagine sociale di D.

Ipotizzando quindi che la Società D sia posseduta da:

  • Socio G persona fisica al 50%
  • Socio H persona fisica al 40%
  • Socio I persona fisica al 10%

i titolari effettivi della Società “Beta S.r.l.” risulteranno essere i soci persone fisiche G e H in quanto controllano la società “Gamma” S.r.l. tramite la loro quota di partecipazione sociale (che raggiunge e supera il 25% più uno) della Società D, detentrice del  70% della “Beta S.r.l.”

Parole per cui è stato trovato l'articolo:

titolare effettivo (1341),titolare effettivo srl (287),titolare effettivo società (270),antiriciclaggio titolare effettivo (124),identificazione titolare effettivo (84),identificazione titolare effettivo antiriciclaggio (58),CHI è IL TITOLARE EFFETTIVO (55),titolare effettivo società quotata (55),titolare effettivo persona giuridica (52),socio non effettivo (46),identificazione antiriciclaggio (43),titolari effettivi antiriciclaggio (41),titolare effettivo definizione (39),verifiche antiriciclaggio (35),identificazione clientela antiriciclaggio (33),titolari effettivi (33),identificazione del titolare effettivo (32),modulo identificazione titolare effettivo (27),il titolare effettivo si definisce come (23),titolare effettivo 25% (22),così è il socio non effettivo (18),TITOLARE EFFETTIVO ASSOCIAZIONE SPORTIVA (16),titolare srl (16),titolari effettivi chi sono (16),antiriciclaggio titolare effettivo srl (14),titolare effettivo antiriciclaggio percentuale (13),antiriciclaggio identificazione titolare effettivo (13),chi è il titolare effettivo di una società (13),normativa antiriciclaggio identificazione del titolare effettivo (12),antiriciclaggio identificazione soci (11)